Alterazione ritmo sonno veglia

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è il ritmo sonno-veglia

I disturbi del sonno da alterazione del ritmo circadiano (o ritmo giorno-notte) variano dall’incapacità di dormire fino a un’eccessiva sonnolenza diurna e sono dovuti a una desincronizzazione tra i ritmi sonno-veglia endogeni (orologio biologico) e il normale ciclo luce-buio

Sintomi dei disturbi sonno-veglia

I disturbi sonno-veglia si manifestano con sintomi che di solito scompaiono quando l’orologio biologico torna a essere in fase con i cicli di luce-buio naturali. La sintomatologia comprende:

  • Insonnia

  • Eccessiva sonnolenza diurna

  • Ridotta efficienza durante la giornata

  • Difficoltà a concentrarsi

  • Malessere generale e disturbi gastrointestinali

  • Disturbi dell’umore, irritabilità e depressione

Cause dei disturbi del ciclo sonno-veglia

Si possono verificare disturbi del ritmo sonno-veglia per vari motivi tra cui:

  • Continui cambiamenti di fuso orario

  • Lavoro notturno o turni di lavoro a rotazione

  • Problemi interni come la sindrome della fase del sonno ritardata frequente negli adolescenti (tendenza fisiologica a posticipare la fase del sonno) o della fase di sonno avanzata (andare a letto e svegliarsi presto) che è più diffusa tra gli anziani.

  • Patologie mediche come Alzheimer, Parkinson o insufficienza renale acuta e nei soggetti con trauma cranico o encefalite.

Se la causa è esterna, alcune funzioni del corpo che si regolano secondo il ritmo circadiano, come la temperatura e la secrezione ormonale, possono diventare desincronizzati rispetto al ciclo esterno di alternanza luce-buio (desincronizzazione esterna) e tra loro (desincronizzazione interna).

Come funziona il ritmo circadiano

Il ritmo circadiano, un ritmo caratterizzato da un periodo di circa 24 ore, è la variazione ciclica delle attività biologiche umane che si svolgono quotidianamente.

Anche se il ritmo circadiano è di tipo endogeno, viene condizionato dagli stimoli dell’ambiente circostante, come luce e temperatura.

Il ritmo circadiano influisce sul nostro corpo condizionando alcuni fattori come:

  • Riposo notturno

  • Pressione arteriosa

  • Resistenza alla fatica

  • Tono muscolare

  • Temperatura corporea

  • Frequenza cardiaca

  • Funzionamento renale

Come ristabilire il ciclo sonno veglia

Un metodo per ristabilire il ciclo sonno veglia è quello di seguire la terapia della luce. Infatti, la luce ha un effetto diretto sulla salute umana poiché influisce sul ritmo circadiano, quindi il sottoporsi a intensa luce (solare oppure artificiale) dopo il risveglio del mattino e l’uso di occhiali da sole per diminuire l’esposizione solare prima di andare a dormire a sera facilitano il riadattamento.

Può aiutare anche assumere di sera prima di andare a dormire la melatonina, un ormone che interviene sulle funzioni dell’ipotalamo e favorisce il ripristino del giusto equilibrio tra sonno e veglia.

Serotonina ciclo sonno-veglia

Come precursore della melatonina, la serotonina contribuisce a regolarizzare i ritmi circadiani, sincronizzando il ciclo sonno-veglia con le funzioni endocrine quotidiane.

Trattamento e rimedi consigliati

Per il trattamento dei disturbi del sonno vengono somministrati farmaci sedativi ipnotici che sono in grado di favorire l’insorgenza e il mantenimento del sonno.

Tra gli integratori che contribuiscono al rilassamento e al riposo notturno c’è la melatonina, che viene classificata come farmaco se il dosaggio è di 2 mg. Anche se viene utilizzato per breve tempo ed è generalmente considerato un trattamento sicuro, si possono manifestare degli effetti collaterali come mal di testa, vertigini e sonnolenza durante il giorno. Inoltre, l’assunzione di melatonina potrebbe influire negativamente su diabete e pressione sanguigna, oltre che aumentare il rischio di coagulazione del sangue.

Un rimedio per prevenire il disturbo del ciclo sonno-veglia legato al cambiamento del fuso orario o al jet lag è quello di spostare gradualmente il ciclo di sonno-veglia prima di viaggiare per approssimarsi all’orario della propria destinazione e, dopo l’arrivo nella località prefissata, esporsi alla luce solare durante il giorno (specialmente di mattina) e al buio prima di andare a dormire.

Quando rivolgersi al medico

La privazione di sonno protratta nuoce gravemente alla salute fisica e mentale. Bisogna considerare, in particolare, che con il persistere per molto tempo dell’alterazione del ritmo sonno-veglia aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche come ipertensione, ictus, infarto, obesità e diabete.

Consigli del farmacista

Un valido aiuto per favorire il riposo notturno e il ripristino del normale ciclo sonno-veglia consiste nel bere delle tisane rilassanti a base di prodotti naturali come valeriana, camomilla, melissa e passiflora prima di andare a dormire.