Enfisema polmonare

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è l’enfisema polmonare

L’enfisema polmonare è una grave malattia dei polmoni che causa la mancanza di respiro nei pazienti che ne sono affetti, questo accade quando gli alveoli dei polmoni si danneggiano e perdono gradualmente il loro funzionamento ottimale. La maggior parte delle persone che soffre di questo disturbo, manifesta anche la bronchite cronica, un’infiammazione dei tubi che trasportano l’aria ai polmoni causando una tosse persistente.

L’enfisema e la bronchite cronica sono due condizioni che compongono la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), di cui il fumo è la principale causa. Nonostante il trattamento sia utile per rallentare la progressione della BPCO, non può, purtroppo, far regredire il danno.

L’enfisema polmonare e i sintomi

Inizialmente è possibile che i danni dell’enfisema polmonare non siano evidenti, ma con il peggiorare della malattia, si aggravano.

Ecco come si manifesta l’enfisema polmonare:

  • Tosse frequente;
  • Respiro sibilante;
  • Mancanza di respiro, soprattutto durante l’attività fisica;
  • Oppressione al petto.

Alcune persone che soffrono di questa particolare patologia, contraggono frequenti infezioni respiratorie, quali il raffreddore e l’influenza, ma nei casi più gravi si riscontra:

  • Perdita di peso;
  • Debolezza dei muscoli inferiori;
  • Gonfiore alle caviglie, ai piedi o alle gambe.

L’enfisema polmonare e le cause

L’enfisema polmonare è una patologia cronica con sviluppo graduale, dovuta al danneggiamento delle funzionalità degli alveoli polmonari, i principali protagonisti della respirazione. Vi sono diversi motivi che possono provocare l’enfisema polmonare:

  • Consumo abituale di tabacco;
  • Esposizione ad inquinamento, fumi chimici, polveri sottili e altre sostanze;
  • Fumi e polveri irritanti inalate durante il lavoro;
  • Malattia ereditaria chiamata enfisema polmonare ad esordio precoce (situazione più rara)

L’enfisema polmonare: la cura ed il trattamento

L’obiettivo del trattamento per i pazienti affetti da enfisema polmonare è cercare di rallentare il peggioramento della malattia, creando una situazione di vivibilità e sopportazione. Purtroppo, però, non c’è modo di recuperare la funzionalità del tessuto danneggiato.

Ecco alcune indicazioni di come si cura l’enfisema polmonare al fine di migliorare la qualità della vita del paziente:

  • Programma di riabilitazione polmonare;
  • Antibiotici per eventuali infezioni batteriche;
  • Allontanamento da fonti dannose come aria inquinata, polveri e agenti irritanti;
  • Assunzione di medicinali broncodilatatori;
  • Vaccinamento contro l’influenza e lo pneumococco, per evitare complicazioni;
  • Medicinali per trattare la tosse o il respiro sibilante;
  • Astinenza dal fumo;
  • Intervento chirurgico per la rimozione dell’area danneggiata del polmone;
  • Trapianto di polmone.

Quando andare dal medico

Nel caso in cui si sperimenti eccessiva fatica dopo l’attività fisica, difficoltà respiratorie, tosse cronica o si senta il “fischietto” (respiro sibilante) durante la respirazione, potrebbe essere necessario contattare il medico per effettuare una diagnosi approfondita del problema.

Se il medico dovesse riscontrare l’effettiva presenza della patologia, potrà consigliare come curare l’enfisema polmonare e ridurre, così, il più possibile, i danni dovuti al disturbo, migliorando la qualità della vita.

Consigli del farmacista

L’enfisema polmonare è una malattia difficile da curare in modo semplice, per cui è importante prendere immediatamente alcuni accorgimenti:

  • Cercare di respirare una qualità di aria migliore;
  • Smettere di fumare;