Herpes labiale

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è l’herpes labiale

L’herpes labiale è malattia infettiva è causata dall’Herpes Simplex Virus che si contrae attraverso la saliva o tramite contatto diretto con le persone infette. L’herpes simplex è causato dal virus herpes simplex di tipo 1 (HSV-1) e in rari casi dal virus herpes simplex di tipo 2 (HSV-2).

L’infezione si manifesta con vescicole cutanee e ulcere altamente contagiose che di solito si dispongono intorno alla bocca.
La prima infezione determina una reazione immunitaria che tuttavia non elimina il virus che persiste nel nostro organismo per tutta la vita. Alla scomparsa dei sintomi, infatti, il virus rimane quiescente nell’organismo e può riattivarsi in caso di stress, situazioni traumatiche ed eccessive esposizioni al freddo e ai raggi solari.

Sintomi dell’herpes labiale

L’herpes labiale si manifesta con l’insorgenza di piccole bollicine biancastre o rossastre, piene di siero limpido e giallastro, localizzate prevalentemente sulle labbra. L’herpes simplex di solito inizia con un formicolio, prurito o sensazione di bruciore intorno alla bocca, più comunemente sui bordi del labbro inferiore.

Oltre a prurito e bruciore, la sintomatologia comprende:

  • gonfiore della parte,
  • perdita temporanea della sensibilità (parestesia).

Se l’infezione è ricorrente, l’herpes simplex può essere difficile da curare e può lasciare piccole cicatrici.

Cause dell’herpes labiale

Diversi fattori concorrono ad attivare l’ herpes simplex, tra i quali:

  • stress emotivo o psicologico
  • affaticamento e stanchezza
  • ciclo mestruale
  • lesioni della zona interessata
  • esposizione a luce solare intensa

Herpes labiale bambini

Nei bambini con buone difese immunitarie l’Herpes simplex è caratterizzato dalla presenza di una placca rossa ricoperta da piccole vescicole disposte a grappolo. La sintomatologia è blanda e consiste in una sensazione di calore e di bruciore nella fase che precede la comparsa delle lesioni cutanee e successivamente lieve prurito. La regressione è generalmente spontanea.

Nei bambini con ridotte difese immunitarie le recidive sono più frequenti e si caratterizzano per l’aspetto purulento, necrotico-emorragico, la localizzazione multipla, la possibile disseminazione su tutta l’estensione della cute.

Herpes labiale gravidanza

Le lesioni da herpes sono determinate dai virus HSV-1(herpes labiale) e HSV-2 (herpes genitale). I due virus sono parenti stretti e come tali si scambiano frequentemente la zona in cui risiedono: l’HSV-1 può provocare lesioni genitali e l’HSV-2 lesioni labiali.
La sede genitale è quella a maggior rischio per il neonato: gli herpes virus si diffondono prevalentemente per contatto diretto, ed è il contatto con le vescicole piene di virus al momento del parto che provoca l’infezione neonatale.

Cerotti herpes labiale

Il cerotto per la cura dell’herpes labiale contiene un gel idrocolloide e si appone sulla zona interessata dall’infezione per nascondere e proteggere la ferita nel suo processo di guarigione.

Trattamento e rimedi consigliati

I prodotti in commercio per la cura dell’herpes simplex vengono utilizzati per far regredire il virus alla forma latente, migliorando la sintomatologia e favorendo la cicatrizzazione. Alcuni trattamenti prevedono l’uso di:

  • Creme a base di zinco ed eparina per diminuire la durata e il fastidio dell’eruzione cutanea;
  • Gel astringente al cloruro d’alluminio per asciugare le vescicole, attenuare il prurito e disinfettare la parte;
  • Aciclovir, crema da applicare sulla ferita all’inizio dell’eruzione con funzione di ridurre la sensazione di dolore e bruciore;
  • Interferone, che ha una forte azione antivirale;
  • Antistaminici per combattere la sensazione di prurito.

Quando rivolgersi al medico

L’herpes simplex è spesso lieve e di solito guarisce senza bisogno di un trattamento. Tuttavia, possono insorgere complicazioni, soprattutto in persone con il sistema immunitario compromesso, come accade con i pazienti sottoposti a chemioterapia. Le possibili complicanze da herpes simplex sono:

  • generalizzazione dell’infezione
  • interessamento oculare
  • encefalite

L’herpes simplex di solito può essere diagnosticato facilmente perché ben visibile. In alcuni casi, però, il medico può richiedere le analisi del sangue o di un campione del fluido raschiato dall’herpes simplex per accertare la presenza del virus.

Consigli del farmacista

L’infezione da herpes simplex è considerata cronica, pertanto non ci sono trattamenti in grado di curarla in modo definitivo. Non è possibile, infatti, prevenire completamente l’insorgenza dell’herpes simplex, perché questo virus resta latente e in equilibrio con le difese immunitarie dell’individuo.

Si può, invece, limitare le lesioni erpetiche seguendo alcuni consigli per evitare il contagio, come:

  • non toccare la zona infetta
  • lavarsi sempre le mani prima e dopo l’applicazione del prodotto da trattamento
  • non condividere lo stesso prodotto con altre persone