Mal di gola

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è il mal di gola

Il mal di gola è il sintomo tipico di un’infiammazione che colpisce la faringe (la parte posteriore della bocca che consente al cibo di imboccare la via dell’esofago): la faringite, che può avere diverse origini e cause.

Sintomi mal di gola

Il fastidioso sintomo del mal di gola è causato dalla faringite che, se persiste a lungo, può causare anche un’infiammazione dei linfonodi del collo, in questo caso anche particolarmente dolenti.
Se la faringite è provocata dal virus del raffreddore o dell’influenza può essere associato ad altri sintomi, come:

  • febbre
  • starnuti
  • Congestione nasale
  • Tosse
  • Dolori muscolari

Se il mal di gola è provocato da una tonsillite è facilmente associato a:

  • Febbre molto alta
  • Difficoltà respiratorie e nella deglutizione
  • Ingrossamento dei linfonodi del collo

Se il mal di gola è provocato da una reazione allergica può essere accompagnato da:

  • Congestione nasale
  • Starnuti
  • Tosse
  • Secchezza della gola
  • prurito in gola

Cause mal di gola

La principale causa del mal di gola è la faringite, l’infiammazione della faringe, che può essere determinata da:

  • Infezioni virali: tra le più comuni quelli di raffreddore e influenza, ma il mal di gola può essere provocato anche da mononucleosi, morbillo, rosolia, varicella.
  • Infezioni batteriche: tra le più comuni lo streptococco beta emolitico del gruppo A e Staphylo coccus aureus (placche alla gola).
  • Reazioni allergiche: la faringe dei soggetti allergici a muffa, polvere, polline e pelo degli animali, è soggetta ad infiammazioni ripetute.
  • Secchezza dell’ambiente: l’aria secca, respirata per diverse ore, può determinare un’infiammazione della faringe e, quindi, il mal di gola.
  • Inalazione cronica di sostanze irritanti: come il fumo di sigaretta ed esalazioni tossiche degli impianti industriali che possono provocare un’infiammazione.
  • Sforzo eccessivo dei muscoli faringei: se sottoposti a sforza (come quando si urla) si stancano e si infiammano, provocando il mal di gola.
  • Reflusso gastroesofageo: la risalita del contenuto acido dallo stomaco verso l’esofago, la faringe e, a volte anche la laringe, provoca irritazione e infiammazione dolorosa.
  • Altre cause gravi: ascessi peritonsillari (una raccolta di pus, batteri, detriti cellulari e plasma che si forma a causa di un’infezione); AIDS, tumori maligni.

Il mal di gola è un sintomo molto comune, tuttavia esistono dei fattori di rischio per la faringite:

  • Fumo
  • Età giovane
  • Contatto con polveri tossiche, irritanti chimici ecc.
  • Frequentare luoghi affollati.
  • Sinusite cronica
  • Immunodepressione

Tachipirina e mal di gola

La tachipirina può essere impiegata nel trattamento del mal di gola perché il suo principio attivo, il paracetamolo, è un analgesico, dotato anche di proprietà antipiretiche: agisce sul sistema nervoso alterando la percezione del dolore da parte dell’organismo, quindi agisce anche sul dolore lieve – moderato alla faringe.

Mal di gola che non passa

Un mal di gola che non passa, nonostante l’assunzione di tachipirina o altri medicinali volti a contrastare il fastidio, può essere il sintomo di un’infezione batterica importante come l’ascesso peritonsillare o data dallo streptococco; in generale può essere causato da patologie che necessitano di una terapia antibiotica o della rimozione del pus. Se il mal di gola è ricorrente può essere la spia di patologie anche gravi.

Ibunoprofene e mal di gola

Ibuprofene e mal di gola sono spesso associati perché questo principio attivo appartiene alla categoria degli antinfiammatori non steroidei, quindi è utilizzato nel trattamento del dolore di qualsiasi origine, che sia assunto in pasticche (ad esempio Moment Act) in spray, o in sciroppo (come Nurofen), può essere particolarmente efficace nel contrastare il mal di gola, ma anche i dolori muscolari, il mal di testa e così via.

Lingua bianca e mal di gola

La lingua bianca associata al mal di gola può essere il sintomo di varie condizioni e patologie: se questi sintomi sono associati anche a febbre e raffreddore, si parla di sindrome parainfluenzale, che causa una desquamazione della mucosa linguale che, depositandosi sul dorso fa apparire la lingua asciutta e ricoperta di un sottile strato bianco. Se, invece, la patina è di una consistenza simile alla ricotta, probabilmente la causa è il mughetto (o candidosi orale), un’infezione provocata dal fungo Candida albicans.

Mal di gola da reflusso: quanto dura?

La faringite è un sintomo tipico del reflusso gastroesofageo che può essere ricorrente: in questo caso è necessario richiedere un trattamento specifico per evitare lesioni alle corde vocali. Spesso il mal di gola da reflusso è accompagnata anche da tosse secca persistente, difficoltà nella deglutizione e sensazione di nodo in gola.


Per il trattamento del mal di gola di tipo virale non sono necessarie delle cure specifiche, ma solo rimedi sintomatici, rivolti a ridurre il dolore e il fastidio. È consigliabile quindi assumere farmaci come Nurofen, Moment, Tachipirina, aspirina o Borocillina Mal di Gola, un antinfiammatorio e analgesico, ma è utile anche utilizzare degli spray come Zerinol Gola. La guarigione avviene, solitamente, nell’arco di 5-7 giorni.

In caso di infezioni batteriche è necessario seguire una terapia antibiotica prescritta dal medico.
Per il mal di gola causato da reazioni allergiche è consigliabile assumere degli antistaminici, mentre per quello da reflusso gastroesofageo è necessario rivolgersi ad uno specialista, che prescriverà una terapia specifica per contrastare la risalita dell’acido dallo stomaco, che spesso può essere rappresentata da farmaci come Gaviscon Advance.

Quando rivolgersi al medico

È importante consultare il medico se il mal di gola persiste nonostante il trattamento, aumenta d’intensità e soprattutto se insorgono sintomi come:

  • Difficoltà respiratoria e nella deglutizione.
  • Mal d’orecchio
  • Sfoghi cutanei
  • Linfonodi del collo ingrossati
  • Presenza di sangue nella saliva o nel catarro

Meglio richiedere un consulto anche se il mal di gola è ricorrente e se si soffre di raucedine per più di due settimane consecutive.

Consigli del farmacista

Soprattutto se il mal di gola è causato dal virus influenzale è consigliabile:

  • Stare a riposo
  • Assumere molti liquidi, soprattutto acqua per evitare la disidratazione, ma anche tisane e camomilla.
  • Fare inalazioni caldo-umide per attenuare il dolore e la secchezza in gola, ma anche per favorire la fuoriuscita del muco e liberare le vie respiratorie.
  • Non fumare.