Mal di pancia

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è il mal di pancia

Con l’espressione “mal di pancia” si indica in modo generico un dolore nella zona addominale
e può interessare:

  • lo stomaco, con crampi o sensazione di gonfiore
  • l’intestino, con dolori all’addome e meteorismo
  • il fegato
  • la milza

In generale, è possibile dividere il mal di pancia in due categorie in base alla causa scatenante:

  • una forma di dolore addominale comune, che si può risolvere presto attraverso la messa in atto di rimedi naturali, comportamentali e farmacologici;
  • un mal di pancia legato a una patologia.

Sintomi del mal di pancia

I più comuni sintomi del mal di pancia comprendono:

  • sensazione di gonfiore e forte tensione addominale,
  • malessere e bruciore di stomaco,
  • costipazione o diarrea.

Se il dolore addominale è dovuto a disturbi gastrointestinali si presentano anche altri sintomi come:

  • stitichezza e diarrea,
  • crampi e fitte allo stomaco,
  • aerofagia e meteorismo,
  • dispepsia (cattiva digestione),
  • nausea e vomito.

Cause del mal di pancia

Il mal di pancia è un disturbo causato da vari fattori tra cui un eccesso di aria intestinale, un virus, una dieta errata o una condizione medica. Nella maggior parte dei casi il mal di pancia è dovuto a disturbi gastrointestinali, ma è un fenomeno doloroso molto comune anche durante le mestruazioni (dismenorrea).

Il dolore alla pancia può essere provocato anche da un modo di alimentarsi non consono e corretto: un pasto troppo abbondante può provocare la sensazione di pienezza gastrica oppure all’origine del dolore addominale può esserci il digiuno prolungato.
Inoltre, il gonfiore e i crampi all’addome possono dipendere anche da intolleranze alimentari come quella al glutine (celiachia) o al lattosio.

Non solo fenomeni fisici, ma anche quelli psichici legati a stress, ansie e tensioni quotidiane possono essere la causa scatenante del mal di pancia.

All’origine del dolore addominale può esserci una patologia, tra cui:

  • appendicite
  • cancro al colon e alle ovaie
  • calcoli alla cistifellea
  • fibrosi cistica
  • pancreatite
  • gastroenterite
  • sindrome dell’intestino irritabile

Mal di pancia in gravidanza

Le donne in stato di gravidanza possono sentire dei dolori dopo essere state sedute a lungo oppure dopo una lunga camminata.

Se non è accompagnato da emorragie, il dolore all’addome in gravidanza è dovuto anche a stitichezza.

Specie nel secondo trimestre di gravidanza si può presentare la colica renale con crampi addominali e un dolore laterale, che può coinvolgere anche schiena e inguine. Tale disturbo viene curato con un antispastico.

Infine, nell’ultimo trimestre si presentano delle contrazioni lievi e sporadiche da non confondere con le contrazioni prima del parto.

Nausea e mal di pancia

La nausea è un sintomo causato spesso dall’assunzione di cibi pesanti e di difficile digestione.
Questa condizione può essere collegata anche ad altre patologie tra cui cervicale, labirintite, affaticamento della vista.
Se la nausea è forte è bene restare idratati, bevendo molta acqua e bevande calde come tisane o tè.

Mal di pancia nei bambini

In presenza di un forte dolore addominale accompagnato da crampi e con tendenza ad estendersi verso il fianco o la schiena, soprattutto se nelle ore notturne, potrebbe trattarsi di un attacco di colica biliare.

Mal di pancia notturno

I crampi alla pancia nei bambini sono infatti un disturbo molto comune; con i più piccoli è però difficile comprendere l’intensità del dolore e soprattutto l’origine.
Nei neonati, le coliche gassose sono la causa più frequente del mal di pancia.

Quando il mal di pancia è accompagnato da diarrea e vomito, è consigliabile consultare il pediatra, perché potrebbe essere causata da un’infezione virale. Nel frattempo, è utile assumere i fermenti lattici e bere tanti liquidi.

I segnali allarmanti sono:

  • dolore in un punto ben preciso,
  • dolore acuto e continuo che causa il risveglio notturno,
  • febbre,
  • diarrea e vomito,
  • infiammazione rettale e sangue nelle feci.

Trattamento e rimedi consigliati

Il disturbo addominale di lieve entità, come per esempio un po’ di aria nella pancia, passa spontaneamente nel giro di ore o di pochi giorni.

Se il problema persiste, è possibile bere una tisana alla camomilla o al finocchio e mettere una borsa di acqua calda sulla pancia per rilassare i muscoli addominali, ridurre il gonfiore addominale.

Se il mal di pancia negli adulti è accompagnato anche da vomito e diarrea, si consiglia di bere molti liquidi per evitare la disidratazione. In presenza di dolore addominale intenso un antidolorifico, come il paracetamolo, può essere d’aiuto.

Quando rivolgersi al medico

Se il dolore alla pancia è di tipo crampiforme, acuto, inarrestabile, invalidante e difficile da localizzare, è necessario rivolgersi immediatamente ad un medico, perché potrebbe essere in atto un’infiammazione grave come l’appendicite o la pancreatite.

Anche in caso di mal di pancia accompagnato da diarrea è consigliabile consultare il medico per avviare la cura più adatta in base al tipo di influenza in corso.

Consigli del farmacista

Per far passare il mal di pancia è utile ridurre lo stress e cercare di svolgere degli esercizi di rilassamento. Un altro consiglio importante è ridurre la quantità dei pasti, perdere peso e mangiare lentamente.
In caso di pancia gonfia i cibi più indicati sono:

  • yogurt, per i fermenti lattici;
  • fibre e cereali, per stimolare la mobilità dell’intestino;
  • bere acqua, almeno 2 litri al giorno.