Miopia

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è la miopia

La miopia è un difetto visivo caratterizzato da una ridotta capacità visiva da lontano e una visione offuscata degli oggetti.

Le diottrie sono le unità di misura che servono per classificare la gravità della miopia e ogni lente che serve per correggere la miopia è caratterizzata dal segno meno prima del numero.

La miopia si può classificare in:

  • Miopia lieve: -0.25 a -3.00 diottrie

  • Miopia moderata: -3.25 a -6.00 diottrie

  • Miopia elevata: superiore a -6.00 diottrie

Una miopia, soprattutto se elevata, aumenta la possibilità di contrarre altre malattie dell’occhio come:

  • Cataratta

  • Glaucoma

  • Distacco della retina.

Sintomi della miopia

La miopia si presenta con difficoltà nel vedere in modo chiaro gli oggetti lontano, mentre si riesce a vedere bene gli oggetti vicini, come lo schermo del pc.

Altri segni caratteristici di questo difetto visivo sono:

  • Strabismo

  • Affaticamento agli occhi

  • Mal di testa per l’affaticamento degli occhi.

Sintomi della miopia nei bambini

Spesso i bambini non sono in grado di comunicare il loro problema visivo. Può essere utile fare un controllo oculistico, se si notano nei bambini alcuni comportamenti quando mettono a fuoco gli oggetti distanti:

  • Necessità di strizzare gli occhi,

  • Battere eccessivamente le palpebre,

  • Sfregarsi gli occhi,

  • Corrugare la fronte.

Cause della miopia

Le persone affette da miopia hanno un errore di rifrazione, che si traduce nella difficoltà di mettere a fuoco oggetti distanti. Infatti, i raggi luminosi provenienti da oggetti lontani non penetrano correttamente nell’occhio per trasmettere le immagini al cervello, generando un’immagine retinica confusa.

Nelle persone affette da miopia il bulbo oculare è troppo lungo o la cornea ha una curvatura troppo accentuata.

La miopia è ereditaria. Il disturbo visivo si presenta già durante l’infanzia. Con gli anni a volte si stabilizza presto, ma può anche peggiorare.

Tra le cause principali della miopia ci sono:

  • Familiarità con malattie degli occhi;

  • Bulbo oculare più lungo del normale;

  • Curvatura della cornea o del cristallino superiore alla norma;

  • Eccessiva capacità refrattiva del cristallino (miopia d’indice).

Come guarire dalla miopia

La miopia non regredisce, ma può essere tenuta sotto controllo e rallentata il più possibile con l’uso degli occhiali da vista. Infatti, l’uso costante lenti è il modo più idoneo per affrontare l’evoluzione della miopia.

Come correggere la miopia

La miopia si corregge facilmente con:

  • Occhiali: sono la soluzione più pratica e adatta ai bambini. Con le moderne lenti e montature, gli occhiali sono sicuri, maneggevoli e anche molto leggeri.

  • Lenti a contatto: permettono una visione migliore e più naturale. Le lenti più sicure sono quelle monouso, cioè da sostituire ogni giorno.

  • Chirurgia laser sulla cornea: è la soluzione per correggere in modo definitivo il difetto

L’operazione per la miopia

Quando la miopia si è stabilizzata da almeno 12-24 mesi è possibile sottoporsi ad un intervento di chirurgia laser per correggere il difetto in modo definitivo. Tuttavia, è da considerare che possano essere necessari degli interventi di ritocco a distanza di tempo dall’intervento principale.

Si consiglia di sottoporsi all’intervento in un’età compresa tra i 25 e i 40 anni di età perché

  • prima dei 25 anni la miopia potrebbe non essere ancora stabilizzata e peggiorare;

  • dopo i 40 anni, non solo può manifestarsi contemporaneamente la presbiopia, ma è anche possibile soffrire di occhio secco, disturbo che aumenta il rischio di avere bruciore a seguito dell’intervento.

Sulla base del grado di difetto refrattivo che si mira a correggere, il medico oculista sceglie la tecnica di intervento:

  • per miopie elevate si tende a preferire cheratectomia fotorefrattiva (PRK) e laser-assistito (LASIK),

  • per miopie più lievi si sceglie più frequentemente la Lasik.

Durante l’intervento per la miopia, possono essere anche corretti difetti associati, quali l’astigmatismo.

Il recupero dopo l’intervento è piuttosto rapido (alcune ore con la tecnica Lasik e pochi giorni con la tecnica PRK) e la guarigione rapida con una eventuale temporanea secchezza oculare, che tende a scomparire in pochi mesi.

Quando rivolgersi al medico

Quando si manifestano i sintomi caratteristici della miopia quali affaticamento visivo e difficoltà a mettere a fuoco da lontano, è bene consultare un oculista.

Una volta diagnosticata la miopia, l’unico modo per tenere sotto controllo il difetto visivo sono gli occhiali che vanno periodicamente corretti dall’oculista.

Consigli del farmacista

Per la buona salute degli occhi e il mantenimento della funzionalità visiva è bene seguire uno stile di vita sano e avere una corretta alimentazione in grado di fornire all’organismo tutti i nutrienti necessari.

In caso di carenza di alcune sostanze nutritive o di fattori di rischio per la vista è consigliabile assumere degli integratori alimentari che proteggono gli occhi.