Pelle grassa

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è la pelle grassa

Si definisce pelle grassa una pelle impura, dall’aspetto untuoso, lucido e dal colorito spento. La pelle grassa è un inestetismo molto diffuso, tipico ma non esclusivo dell’adolescenza, caratterizzato da una incontrollata produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee, minuscole strutture anatomiche localizzate nel derma profondo. Esistono diverse tipologie di pelle grassa:

  • Oleosa: appare lucida con i pori molto dilatati per il sebo particolarmente fluido.
  • Seborroica: il sebo prodotto in eccesso dilata le pareti dei follicoli che assumono un aspetto gergalmente chiamato “a buccia d’arancia”.
  • Asfittica: il sebo è ceroso, denso e intrappolato nei follicoli, originando il comedone, che può presentarsi chiuso (punto bianco) o aperto (punto nero).
  • Impura a tendenza acneica: si distingue dalle altre tipologie per la presenza di papule e pustole, causate dai batteri che, a livello follicolare, inducono reazioni infiammatorie e arrossamenti.
  • Mista: contemporanea presenza di zone molto grasse ed acneiche ed altre aride e secche.

Sintomi pelle grassa

I sintomi della pelle grassa si presentano prevalentemente sul viso e sono caratterizzati da:

  • Pelle lucida, oleosa e ruvida.
  • Pelle disidratata.
  • Colorito spento.
  • Pelle irregolare nella trama.
  • Pori dilatati.
  • Presenza di comedoni e brufoli.

Cause pelle grassa

La causa della pelle grassa è la produzione eccessiva di sebo da parte delle ghiandole sebacee. Questa iperfunzionalità può essere determinata da diversi fattori come:

  • Predisposizione genetica.
  • Fattori costituzionali.
  • Alterazioni ormonali, soprattutto degli androgeni, che costituiscono gli ormoni principalmente coinvolti nella formazione di seborrea e acne, ma anche del cortisolo e del progesterone.
  • Iper concentrazione dell’enzima 5-alfa reduttasi a livello dei follicoli piliferi.
  • Assunzione di steroidi anabolizzanti, cortisonici e danazolo.
  • Patologie come la sindrome dell’ovaio policistico.
  • Obesità.
  • Alimentazione inadeguata, ricca di grassi e cibo spazzatura.
  • Uso eccessivo di detergenti aggressivi, creme e unguenti di bassa qualità.
  • Stress, che provoca uno squilibrio dell’organismo.

Pelle grassa viso

Nella pelle grassa del viso la produzione di sebo è abbondante in tutte le aree del volto, anche se le zone più colpite, soprattutto nella pelle grassa oleosa, sono quelle della “zona T”: fronte, mento e naso. Il viso con la pelle grassa appare dunque lucido e oleoso, con presenza eventuale di comedoni e, quando agiscono anche i batteri sui follicoli, anche brufoli e acne.

Crema viso pelle grassa

La crema viso per la pelle grassa deve essere formulata appositamente per questo tipo di pelle, quindi è importante scegliere i prodotti giusti. Una crema per la pelle grassa deve:

  • Contrastare la produzione eccessiva di sebo.
  • Idratare in profondità.
  • Combattere la proliferazione batterica.
  • Favorire la chiusura dei pori.

Tra le creme specifiche troviamo ad esempio Rilastil crema idratante con effetto opacizzante o quella della linea pelli grasse La Roche Posay, dalle proprietà lenitive per pelle fragilizzata; questi tipi di creme per la pelle grassa sono ottime anche come base per il trucco.

Scrub viso pelle grassa

Una pelle grassa, soprattutto acneica, richiede dei periodici, ma non eccessivi, trattamenti esfolianti. Lo scrub per la pelle grassa è, infatti, importante per levigare e conferire alla cute una nuova luminosità. Gli esfolianti fisici o chimici, promuovono il turn-over, quindi il rinnovamento cellulare, stimolando nel contempo la sintesi di collagene ed elastina nel derma. Ideale Rilastil Daily Care maschera scrub, esfoliante e purificante, che lascia la pelle morbida, vellutata e purificata.

Trattamento e rimedi consigliati

Il trattamento più adeguato per la pelle grassa prevede diverse buone abitudini tese a migliorarne la condizione. La detersione deve avvenire solo con detergenti delicati che non irritano e aggrediscono; se sono presenti dei foruncoli o acne è bene utilizzare appositi detergenti dotati di attività battericida.
Per dilatare e richiudere i pori, in presenza di pelle asfittica, il trattamento consigliato prevede di fruttare l’azione del vapore o di un getto d’aria calda, per poi applicare un scrub. Dopo la pulizia del viso è utile utilizzare anche un tonico non eccessivamente aggressivo o, in alternativa, l’acqua fredda naturale, che richiude i pori. Nelle 12 ore successive è necessario evitare l’esposizione al sole e comunque utilizzare sempre un prodotto solare ad alta protezione come Bionike 50+.
Nel trattamento della pelle grassa può essere utile anche utilizzare prodotti dall’azione dermopurificante e sobonormalizzante. Inoltre è importante scegliere i cosmetici giusti che contrastano l’iperproduzione di sebo e una crema per pelli grasse. I prodotti devono essere specifici per pelli grasse con un pH relativamente basso (4.5 – 5.5) e con acidi della frutta a bassa concentrazione.

Quando rivolgersi al medico

Se la pelle grassa non tende a migliorare nonostante il trattamento adeguato, oppure si verificano infiammazioni e infezioni frequenti è consigliabile consultare un dermatologo che farà una visita e prescriverà la terapia adeguata.

Consigli del farmacista

Oltre a seguire una beauty routine adeguata al proprio tipo di pelle grassa che, come abbiamo visto, prevede diversi step, è consigliabile seguire alcuni validi consigli:

  • Proteggere la pelle dal sole con una protezione molto alta.
  • Non aggredire la pelle con prodotti irritanti che seccano la cute, perché le ghiandole sebacee reagiscono aumentando la produzione di sebo peggiorando la situazione.
  • Evitare lavaggi frequenti (non più di 2 – 3 al giorno, ma almeno 1) perché provocano la diminuzione dei componenti lipidici del film idrolipidico che ricopre la pelle, fenomeno al quale le ghiandole sebacee reagiscono aumentando la produzione di sebo.
  • Non utilizzare i prodotti senza risciacqui perché ostruiscono il follicolo.
  • Non fumare. Il fumo sia attivo che passivo aderisce agli strati epidermici superficiali e rende la pelle più unta e oleosa.