Rinite allergica

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è la rinite allergica

La rinite allergica è un’infiammazione periodica o cronica con sintomi a carico di naso, occhi o bronchi (nota anche come raffreddore allergico) dovuta a sostanze presenti nell’aria che si respira che provocano una reazione allergica (allergeni) verso il quale il soggetto è già sensibilizzato.

A seconda della durata la rinite allergica si distingue in:

  • Rinite perenne: dura tutto l’anno o per molti mesi, come nel caso dell’allergia agli acari della polvere o al pelo degli animali domestici.
  • Rinite intermittente: compare solo in alcuni periodi dell’anno, come per esempio durante la stagione primaverile in soggetti allergici alle graminacee o al polline.

 

Sintomi della rinite allergica

I più comuni sintomi della rinite allergica sono:

  • frequenti starnuti;
  • naso che cola (rinorrea);
  • prurito nasale;
  • naso chiuso.

Di solito i sintomi iniziano appena dopo l’esposizione ad un allergene. A seconda dell’intensità dei sintomi la rinite allergica viene classificata in lieve o moderato-grave con disturbi che causano problemi durante il sonno e le attività diurne quotidiane.

 

Sintomi della rinite allergica nei bambini

I sintomi tipici della rinite allergica nei bambini sono:

  • mucosa nasale che si gonfia con ingrossamento dei turbinati (piccole protuberanze situate all’interno delle narici)
  • continua secrezione nasale liquida
  • requenti starnuti 
  • prurito nasale 

Il gonfiore e la secrezione ostruiscono il passaggio dell’aria per questo si ha sensazione di naso chiuso. La rinite allergica ha come complicazione la rinite persistente con disturbi respiratori diurni e notturni.

Il bambino che soffre di rinite allergica ha occhiaie e alitosi mattutina. Per il prurito al naso spesso si sfrega il naso con movimenti da sotto in su, un’abitudine che crea una piega sopra il lobulo nasale, un segno utile per riconoscere che si tratta di un soggetto allergico.

 

Cause della rinite allergica

La causa principale della rinite allergica è la reazione di ipersensibilità da parte del sistema immunitario quando gli allergeni verso i quali si è sviluppata una sensibilizzazione vengono respirati ed entrano in contatto con le mucose del naso.

Tra i più comuni allergeni che causano rinite allergica ci sono:

  • acari della polvere;
  • alberi e polline di graminacee;
  • animali.

La rinite allergica colpisce generalmente individui con una storia familiare in cui sono stati riscontrati sintomi simili o strettamente correlati.

Anche i fattori ambientali giocano un ruolo nello sviluppo della rinite allergica. In particolare, una serie di fattori si ritiene possa aumentare le cause di rinite allergica nei bambini, ossia:

  • utilizzare antibiotici;
  • crescere in un ambiente in cui ci sono fumatori;
  • essere esposti agli acari della polvere;
  • essere esposti ad animali domestici.

 

Come curare la rinite allergica

Gli antistaminici alleviano i sintomi della rinite allergica perché bloccano l’azione dell’istamina, una sostanza chimica presente in alcune cellule del corpo e che viene rilasciata a causa del contatto con l’allergene.

Quando i sintomi sono frequenti o persistenti e si ha poliposi nasale o un blocco nasale, vengono prescritti spray nasali o gocce contenenti corticosteroidi per ridurre l’infiammazione.

Per alleviare il disturbo del naso chiuso si utilizzano decongestionanti nasali per via orale o locale (spray nasali o gocce nasali) per circa 5-7 giorni.

Un trattamento che agisce sulla causa dell’allergia è invece l’iposensibilizzazione (immunoterapia) che consiste nell’introduzione graduale dell’allergene nell’organismo per vie alternative a quella respiratoria (sottocutanea, sublinguale) in modo da renderlo meno sensibile all’allergene.

Cure naturali per la rinite allergica

Se i sintomi sono lievi, si può intervenire con integratori naturali come Solgar Scutellaria che contiene un estratto delle radici della Scutellaria che favorisce le naturali difese dell’organismo affinché il sistema immunitario reagisca adeguatamente agli attacchi esterni.

Quando andare dal medico

Se c’è il sospetto di rinite allergica è bene rivolgersi al medico per una terapia che possa contenere i sintomi e per capire quali sono gli allergeni responsabili della rinite.

È bene ricordare che le complicanze della rinite allergica possono essere:

  • polipi nasali;
  • rigonfiamenti della mucosa nasale;
  • infiammazione o infezione dei seni nasali (sinusite).

 

Consigli del farmacista

Non è sempre possibile evitare l’allergene che provoca la reazione allergica, ma si possono seguire dei consigli. Nel caso di rinite allergica da acari della polvere è bene:

  • Evitare di aver tappeti in casa;
  • Pulire cuscini, peluche e tendaggi regolarmente, sia con lavaggio che con l’aspirazione.
  • Ricoprire materassi e cuscini con dei tessuti impermeabili agli acari, in genere in microfibra;
  • Usare cuscini e piumoni sintetici acrilici;
  • Pulire le superfici con un panno umido.

In caso di rinite allergica da polline è consigliabile:

  • Evitare spazi verdi, come parchi e campi.
  • Indossare occhiali da sole per proteggere gli occhi dal polline.
  • Farsi la doccia, lavare i capelli e cambiare gli abiti dopo essere stati fuori.
  • Tenere porte e finestre chiuse tra metà mattina e prima serata.
  • Se si viaggia in macchina, tenere i finestrini chiusi e usare l’aria condizionata con i filtri antipolline.