Stanchezza fisica

by patologie_farmacia1_wp

Cos’è la stanchezza fisica

La stanchezza fisica è una generale mancanza di energie e di forze, una riduzione della vitalità che può manifestarsi in modo episodico o duraturo nel tempo.
La stanchezza può essere una sensazione di malessere e avversione all’attività oppure un sintomo oggettivo. I soggetti affetti da stati di debolezza psicofisica di solito si sentono privi di energie e faticano a rimanere concentrati anche durante lo svolgimento di attività semplici e poco impegnative.

Sintomi della stanchezza fisica

Lo stato di carenza energetica spesso è accompagnato da:

  • un’accelerazione del battito cardiaco,
  • disturbi del sonno,
  • dolori muscolari,
  • diarrea,
  • crampi allo stomaco
  • colite,
  • malfunzionamento della tiroide,
  • confusione mentale,
  • irritabilità,
  • abbassamento delle difese immunitarie.

Cause della stanchezza fisica

I fattori alla base della stanchezza fisica cronica possono essere molti. Tale stato di malessere può essere conseguenza di particolari sforzi fisici o psichici e di prolungata interruzione del sonno.
Un senso di stanchezza, debolezza e mancanza di energia è tipico di molte condizioni patologiche, tra cui:

  • anemia, una delle spiegazioni più comuni di pazienti costantemente stanchi causata spesso dalla carenza di ferro;
  • celiachia, l’intolleranza al glutine che, se non curata, porta a senso di affaticamento, anemia, perdita di peso;
  • artrite reumatoide, una condizione dolorosa che colpisce le articolazioni e che spesso è accompagnata anche da stanchezza;
  • diabete, uno dei sintomi più diffusi è un senso di stanchezza cronica;
  • ipotiroidismo, uno dei segni della tiroide pigra è la stanchezza psicofisica;
  • mononucleosi, un’infezione virale che colpisce la gola;
  • sindrome delle gambe senza riposo, una condizione caratterizzata dall’esigenza di muovere costantemente le gambe, soprattutto di notte.

QNon sempre la mancanza di energia è riconducibile ad una malattia specifica. Spossatezza e grande affaticamento sono frequenti durante il primo e l’ultimo trimestre di gravidanza. Un senso di spossatezza si può manifestare anche in prossimità di un cambio di stagione, in particolar modo quando dai freddi mesi invernali si passa alle temperature miti tipiche della primavera.

Alcune delle più diffuse cause non patologiche che possono dare origine al sintomo dell’estrema stanchezza sono le seguenti.

  • Periodi di forte stress, come quelli di intensa attività di lavoro e di studio.
  • Carenze di sali minerali e vitamine a causa di una dieta non equilibrata.
  • Problemi di peso, sia l’eccessiva magrezza che la condizione di sovrappeso.
  • Stile di vita irregolare con alterazioni del normale ciclo sonno-veglia.
  • Condizioni ambientali (climi molto caldi e umidi).

Stanchezza fisica e mentale

La stanchezza può dipendere sia da cause di natura fisica, come sforzi e malattie, che dalla situazione psicologiche. In molti casi la sensazione di fatica può andare a sovrapporsi a stati di sonnolenza e mancanza di motivazione tipici di patologie psicologiche come la depressione o l’esaurimento nervoso. Uno stato generale di debolezza psicofisica (detta in termini medici astenia) può comprendere un’ampia varietà di sintomi quali:

  • senso eccessivo di fatica dopo uno sforzo mentale,
  • difficoltà a concentrarsi,
  • debolezza fisica,
  • stanchezza cronica,
  • difficoltà a rilassarsi,
  • difficoltà nel sonno,
  • vertigini
  • mal di testa,
  • riduzione della capacità di provare emozioni piacevoli (anedonia),
  • umore irritabile (nervosismo).

Stanchezza fisica e sonnolenza

La stanchezza fisica è accompagnata da un forte bisogno di riposare o dormire, che può essere dovuto alla sindrome delle apnee notturne, una condizione caratterizzata dalla ripetuta interruzione della respirazione durante la notte, che incide molto sulla qualità del riposo notturno.

Trattamento e rimedi consigliati

Per sostenere una situazione di stanchezza fisica esistono anche dei rimedi fitoterapici, che aumentano la resistenza alla fatica e regolano le funzioni metaboliche come il ginseng, una pianta che riduce la percezione della fatica e apporta energia e vitalità.

Oltre al ginseng, anche la rodiola (Rhodiola rosea) è una pianta medicinale utilizzata per combattere l’affaticamento fisico, perché migliora la qualità del sonno, aumenta il tono muscolare e la resistenza dell’organismo, favorendo le capacità di recupero.

In periodi di spossatezza e convalescenza Natura Mix Advanced Sostegno contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento e al buon funzionamento del sistema immunitario grazie alla vitamina C presente nel succo di acerola e alla pappa reale liofilizzata a partire da 600 mg di pappa reale fresca. La formulazione è arricchita dai succhi concentrati di mirtillo, sambuco e mora, che svolgono un’azione antiossidante e utile anche per le naturali difese dell’organismo.

Quando rivolgersi al medico

Il medico deve essere consultato quando la stanchezza si presenta senza un apparente valido motivo o quando è particolarmente intensa e persistente. Alcuni sintomi allarmanti, che richiedono un immediato intervento medico, sono:

  • mal di testa,
  • confusione mentale,
  • vertigini e svenimento,
  • sudorazione profusa,
  • depressione,
  • sanguinamento rettale,
  • dolore toracico,
  • dolore addominale,
  • dolore alla schiena.

Consigli del farmacista

Quando si tratta di un fenomeno temporaneo e non sintomo di gravi situazioni, per contrastare la stanchezza fisica è utile un massaggio leggero e tonificante per il corpo allo scopo di stimolare e infondere vitalità.